Milano, 3 ottobre 2013 – “Questa non è una legge contro qualcuno ma a favore di tutti i cittadini lombardi. Un provvedimento a lungo atteso e richiesto dalle famiglie, dagli amministratori locali e da tutto il Terzo Settore." Con queste parole il vicepresidente della Commissione Attività Produttive e consigliere regionale del Popolo della Libertà, Carlo Malvezzi, ha commentato la Proposta di Legge di contrasto al gioco d’azzardo approvata oggi all’unanimità dalla Commissione e che il 15 ottobre sarà discussa in aula consiliare.

La Lombardia è arrivata prima dello Stato a normare e contrastare una piaga sociale che colpisce centinaia di persone e le loro famiglie e per farlo abbiamo voluto rischiare di fronte ad una grave assenza a livello nazionale. Un’ambiguità, quella dello Stato, che in questi anni, attraverso una liberalizzazione scomposta, ha permesso l’esplosione di un problema sociale che colpisce le fasce più deboli e anche le amministrazioni locali che si trovano a dover sostenere i costi sociali di assistenza e cura di questa nuova patologia.

La sensibilizzazione su una tematica sempre più emergente, la prevenzione con una particolare attenzione ai più giovani e la formazione, grazie a una maggiore responsabilizzazione degli esercenti che potranno accrescere le loro professionalità con corsi specifici.

Articolo di Avvenire sulla Legge AntiAzzardo.pdf