Milano, 21 nov. – “Regione Lombardia stanzia oltre 7 milioni di euro per la valorizzazione dell'offerta turistica legata al cicloturismo”. Ad annunciarlo è l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Mauro Parolini, che in una nota spiega che “questi fondi si inquadrano all’interno del Piano ‘Dall’Expo al Giubileo’, il progetto nato alla fine dello scorso aprile con l’obiettivo di promuovere l’attrattività della regione e consolidare l’incoming turistico dopo l’Esposizione Universale.
Dopo il turismo religioso e quello legato all’enogastronomia è dunque questo il nuovo ambito d’intervento su cui punta l’assessorato, all’interno di un’azione complessiva da 17 milioni di euro che interesserà anche altri tre settori tematici: turismo culturale collegato alle città d’arte, turismo religioso e food & wine.

DOPO EXPO – “L’onda lunga dell’effetto Expo sul nostro turismo non finisce qui. Ora – ha dichiarato l’assessore – vogliamo consolidare le performance positive del nostro sistema turistico e lo vogliamo fare sostenendo la promozione di tutti quegli ambiti meno maturi e più promettenti della ricchissima offerta turistica lombarda. Il cicloturismo è uno di questi, perché è un settore in costante crescita a livello europeo e perché la Lombardia da questo punto di vista può contare su una rete di percorsi ciclabili molto estesa”.

PROSPETTIVE DI CRESCITA – “Investire sul turismo sostenibile e sull’infrastrutturazione per la mobilità lenta – ha sottolineato Parolini – significa anche aprire notevoli opportunità sul mercato comunitario e generare prospettive di crescita diffusa, in armonia con l'ambiente, per le economie locali, la piccola media impresa turistica, l’indotto e l’occupazione. Si stima infatti che in Europa ogni chilometro di ciclabile turistica sia in grado di generare un indotto annuo di centinaia di migliaia di euro”.

SCHEDA

OBIETTIVI – "Gli obiettivi della misura – ha spiegato l'assessore – sono quindi aumentare l'incoming in Lombardia legato al cicloturismo, anche in una logica di destagionalizzazione della domanda e di sostenibilità ambientale dei flussi turistici; aggregare e valorizzare una molteplicità di soggetti della 'filiera estesa' del cicloturismo come le imprese produttive della bicicletta, distribuzione, ristorazione, ricettività e integrare anche la rete dei percorsi ciclabili lombardi puntando su qualificazione-completamento dei percorsi già esistenti".

FASI – La misura è articolata in linee di intervento:

-una fase preliminare, svolta da Unioncamere Lombardia e sviluppata, sulla base dell'indirizzo di Regione Lombardia, attraverso la società Explora, durante la quale ci sarà la mappatura dei macro-percorsi ciclabili e sarà realizzato e attuato un progetto di promozione integrata del cicloturismo lombardo;

-una fase esecutiva nella quale avverrà la promozione e valorizzazione dei macro-percorsi e si procederà al consolidamento della dotazione infrastrutturale già esistente (sia per i macro-percorsi che per i percorsi ciclabili minori) legata all'offerta cicloturistica e funzionale al suo sviluppo.

UNIONCAMERE LOMBARDIA – La dotazione finanziaria di 7.071.000 euro sarà trasferita a Unioncamere Lombardia in qualità di soggetto gestore del provvedimento. Il contributo è a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili.

SOGGETTI BENEFICIARI – Per quanto riguarda la promozione dei macro-percorsi i soggetti beneficiari sono aggregazioni composte da almeno 10 soggetti tra: MPMI; Pro-loco; Consorzi e Associazioni di promozione turistica; Professionisti del settore turistico. Per quanto concerne invece gli interventi di ristrutturazione i soggetti beneficiari sono gli Enti locali lombardi (Comuni, Unioni di Comuni, Comunità Montane, Province) territorialmente competenti rispetto agli interventi previsti.

INTERVENTI AMMISSIBILI – Tra gli interventi ammissibili la promozione e commercializzazione on-line e off-line sui mercati di riferimento di pacchetti turistici esperienziali; lo sviluppo e la valorizzazione di offerte turistiche – in particolare a livello locale, provinciale e sovraprovinciale – legate ai macro-percorsi ; la creazione di reti di operatori legate al tema cicloturismo; comunicazione e marketing dell'offerta legata al cicloturismo, con particolare riferimento all'adozione di strumenti informatici (piattaforme social, local, mobile e app ); il completamento delle piste e dei percorsi ciclabili già esistenti che favoriscano anche lo sviluppo dell'intermodalità; realizzazione di infrastrutture per garantire la sicurezza dei percorsi ciclo-pedonali; raccordo tra percorsi ciclabili e itinerari turistici legati ad altri ambiti del turismo esperienziale (itinerari religiosi, dello shopping, culturali, enogastronomici e naturalistici).

MODALITÀ ATTUATIVE – Per l'assegnazione delle risorse si prevede la pubblicazione di un bando attuativo a procedura valutativa, da parte di Unioncamere Lombardia, in raccordo con Regione Lombardia. In attuazione della L.r. 8/2013 saranno previste limitazioni relative agli esercizi commerciali e turistici che detengono a qualsiasi titolo apparecchi per il gioco d'azzardo lecito.