Milano, 24 feb. – "Far rispettare le leggi vigenti, dotando i Comuni dei mezzi e delle risorse necessarie per attuare i controlli; ampliare l'utilizzo del QR Code sulle Carte di esercizio, per contrastare l'abusivismo e rendere più difficoltosa la contraffazione; lanciare campagne informative circa i rischi dell'acquisto di prodotti contraffatti; usare il Comitato regionale per il contrasto all'abusivismo come cabina di regia per promuovere azioni sia all'interno di Regione sia di più ampio raggio. Queste alcune delle azioni che Regione Lombardia intende attuare per proseguire nella sua opera di sostegno, tutela e promozione del commercio ambulante". Lo ha detto l'assessore regionale al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia Mauro Parolini, nel corso del suo intervento all'assemblea di Anva Confesercenti, l'associazione nazionale del commercio ambulante, riunita per trattare delle modifiche al settore apportate dalla Direttiva Bolkestein.

MERCATI GRANDE RICCHEZZA – "I mercati ambulanti – ha sottolineato l'assessore – rappresentano una grande ricchezza per l'attrattività del nostro territorio, per la qualità urbana delle nostre città e per il rapporto qualità/prezzo dei loro prodotti. Ruolo che diventerà ancora più importante e più centrale in vista di Expo, quando il nostro Paese punterà proprio sulla qualità delle sue produzioni agroalimentari".

AZIONI MESSE IN CAMPO – L'esponente della Giunta Maroni, nel corso dell'incontro, ha poi ricordato le misure già messe in campo da Regione Lombardia per il sostegno al settore, come: l'inasprimento delle sanzioni per gli abusivi; l'introduzione di due documenti – Carta di esercizio e attestazione – che garantiscono la regolarità dell'operatore dal punto di vista amministrativo, fiscale, previdenziale e assistenziale; la sperimentazione in quattro Comuni (Milano, Brescia, Lecco e Bovisio Masciago) del QR Code sulla Carta di esercizio.

SANZIONI PIÙ GRADUALI – Proprio riguardo alla Carta d'esercizio, l'assessore Parolini ha ricordato la recente modifica del Testo unico del Commercio del 2010, grazie alla quale è stata inserita la possibilità di sanzionare il mancato aggiornamento della Carta di esercizio e dei titoli abilitativi. "Rispetto alla sanzione per chi occupa più del 30 per cento della superficie autorizzata, che oggi prevede  il pagamento di una multa e la confisca  di tutte le attrezzature e della merce – ha aggiunto – stiamo pensando, invece, di intervenire con maggiore gradualità e proporzionalità".

SPERIMENTAZIONE QR CODE – Sul fronte dell'utilizzo del QR Code sulla Carta di esercizio, sperimentato in quattro Comuni, Parolini ha rimarcato che "abbiamo avuto ritorni positivi sia dai Comuni, sia dalle Associazioni. Il prossimo passo sarà introdurlo in tutti i Comuni lombardi per facilitare il controllo della Polizia locale, ma anche per fornire un ottimo strumento ai consumatori, che vengono così a conoscenza, in tempo reale, della qualità dei prodotti venduti dall'operatore ambulante".

RIQUALIFICAZIONE MERCATI MILANESI – "Tra le iniziative più importanti a favore del vostro settore – ha ricordato l'assessore – rientrano i progetti di riqualificazione di alcuni dei più importanti mercati milanesi (via Papiniano, via Osoppo e via Fauché). L'iniziativa si inserisce all'interno dell'Accordo di Programma con il Comune di Milano per l'incremento dell'attrattività della città, per il quale abbiamo messo a disposizione 3 milioni di euro (50 per cento Regione Lombardia, 50 per cento Comune di Milano)". Gli interventi prevedono: l'installazione di colonnine per l'elettricità, la dotazione di compattatori di rifiuti e la copertura wi-fi. "I mercati – ha concluso l'assessore – pur mantenendo la propria identità di luoghi del commercio storici e tradizionali, devono cogliere le opportunità offerte dalla tecnologia per diventare parti integranti della città contemporanea".