Milano, 31 mag. – "Domenica scorsa, in occasione della festa della Lombardia abbiamo inaugurato l'Anno del turismo. Per questo oltre ai 20 milioni di euro già stanziati per il turismo religioso, le Città d'arte, l'enogastronomia e il cicloturismo, abbiamo previsto nuove azioni tra cui la creazione di un fondo da 30 milioni di euro per far crescere ulteriormente la Lombardia e aumentare arrivi, presenze e qualità dell'offerta". Lo ha detto l'assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia Mauro Parolini illustrando la delibera approvata, questo pomeriggio dalla Giunta, su sua proposta, e con il concerto dell'assessore allo Sport e Politiche per i giovani Antonio Rossi, che istituisce il Fondo per il turismo e l'attrattività territoriale.

FINALITÀ – Le misure del Fondo per il turismo e l'attrattività territoriale intendono supportare le finalità della l.r. n. 27/2015 (Politiche regionali in materia di turismo e attrattività del territorio lombardo) e gli interventi a favore dell'attrattività del territorio (Titolo VI), al fine di promuovere la crescita competitiva del sistema turistico regionale e locale. Tali misure saranno adottate con gli obiettivi del Piano annuale della promozione turistica e dell'attrattività.

RISORSE FINANZIARIE – La disponibilità contabile del Fondo è pari a 30.092.000 euro. Tale dotazione potrà essere incrementata con successivi provvedimenti a seguito del reperimento di risorse provenienti dai rientri, dalle economie, dalle revoche, dalle rinunce, nonché dai proventi della gestione finanziaria dei finanziamenti accordati a valere sul fondo medesimo. La dotazione finanziaria delle singole misure è determinata e adeguata, di volta in volta, a seconda della tipologia e finalità delle misure stesse e delle risorse disponibili sul fondo.

SOGGETTO GESTORE – La gestione del fondo è affidata a Finlombarda S.p.A.

SOGGETTI BENEFICIARI – Potranno beneficiare dei contributi ai sensi della l.r. n.27/2015: i Distretti dell'attrattività e del territorio e Distretti del Commercio; Imprese turistiche e dell'attrattività; altri soggetti appartenenti alla filiera dell'attrattività, forme di aggregazione e di partenariato pubblico e privato e enti locali.