Corriere della Sera 26 Gennaio 2011

 
"Umberto Saba, dopo la batosta del ’48 – scrive Pierluigi Battista sul Corsera – inveì contro l’orrore della ‘porca Italia’ che aveva osato votare contro gli auspici del grande poeta. Sono invece quindici anni che si replica stancamente il rito dell’invettiva contro alcuni milioni di elettori considerati l’Italia peggiore, ripugnante, corrotta, sciocca, incolta, ‘barbara’ . Ora Andrea Camilleri, su MicroMega, porta a compimento la deprecazione indignata contro ‘l’homo berlusconensis’ . Non contro Berlusconi, come sarebbe normale per chi lo avversa, ma contro chi lo vota. Disprezzare chi ha contratto il vizio morale di votare contro la tua parte ha un duplice, tonificante effetto. Gratifica l’Ego di chi si sente superiore e si considera titolare del diritto di far parte honoris causa dell’Italia dei ‘migliori’ . Consente inoltre di autoconsolarsi, attribuendo le ragioni della sconfitta non già ai propri errori, ma alla tara genetica degli italiani incapaci di apprezzare chi, incompreso, meriterebbe un destino più favorevole. E’ una forma di superbia antropologica, che Luca Ricolfi già chiamò (inascoltato) ‘razzismo etico’ , che talvolta assume forme macchiettistiche. E infatti non c’è figura più patetica di chi, sentendosi parte di un’aristocrazia spirituale non contaminata dalle bassezze del popolo volgare e grossolano, fa di questa presunzione un titolo di cui vantarsi. Una presunzione, tra l’altro, del tutto arbitraria. E immeritata. 
Questo sussiego e’ talmente insopportabile che una parte dell’elettorato, pur di non consegnarsi nella mani della casta dei ‘migliori’ , preferisce affidarsi a chi, almeno, non ne fa oggetto di disprezzo e di disgusto antropologico. 
Se ci si chiede come mai – prosegue Battista sul CORRIERE DELLA SERA – non parta nell’elettorato berlusconiano una vigorosa ‘rivolta morale’ nei confronti della deplorevole condotta del suo leader, pochi alfieri dell’antiberlusconismo antropologico sono disposti a concluderne che l’alternativa proposta a quell’elettorato non e’ poi cosi’ attraente come appare agli occhi degli ottimati. E percio’, come in un circolo vizioso, gli ottimati afflitti dal ‘complesso dei migliori’ trovano in ogni sconfitta l’ennesima riprova del loro assunto: essendo il popolo bue e puerile, massa di manovra imbottita di spot pubblicitari e dunque vulnerabile ai richiami incantatori del Nemico, ergo la minoranza colta e illuminata non potra’ che andare incontro a un numero impressionante di sconfitte. Si tratta di un tic mentale per la verita’ molto piu’ diffuso tra gli intellettuali, gli attori, i comici, gli scrittori, i cantanti che non tra i responsabili dei partiti. A differenza degli intellettuali, infatti, chi ha una responsabilita’ di partito sente la mancanza di consenso come una maledizione e il recupero del consenso come una missione ineludibile. Ma molto spesso sono gli intellettuali, anziche’ i leader di partito, a dettare il ‘tono’ generale del discorso, a fissare le priorita’ emotive del popolo che si riconosce nell’opposizione. Tanto che i leader politici appaiono sempre in difesa, come se dovessero rincorrere l’oltranzismo verbale di chi, nel grido di disprezzo verso l’Italia ‘inferiore’ degli altri, sente vibrare le corde della piazza, le ovazioni dei seguaci, il ruggito del ‘popolo contro’ . Ecco perche’ il razzismo antropologico, oltre a essere una malattia culturale, rischia di diventare anche un permanente e invalidante handicap politico. Invece di conquistare il consenso e strapparlo all’avversario, perpetua una divisione insanabile con la parte maggioritaria, ma corrotta, dell’elettorato. E percio’ consegna per sempre quella fetta del popolo tanto disprezzato all’egemonia berlusconiana tanto deplorata. Un boomerang micidiale – conclude Battista sul CORRIERE DELLA SERA – che prolunghera’ i suoi effetti anche alla fine di questa lunga stagione politica di bipolarismo primitivo e di guerra civile strisciante. Quando le due Italie, oggi divise da un muro di disprezzo e di ostilita’, dovranno ricominciare a parlarsi".