Milano, 3 mag. – Non si fermano le iniziative contro le conseguenze introdotte dalla graduale sostituzione dei treni Frecciabianca con i Frecciarossa operata da Trenitalia sulla linea Milano-Venezia. Dopo la manifestazione di ieri dei pendolari e le iniziative bipartisan dell’assessore regionale allo Sviluppo Economico Mauro Parolini (NCD-Area popolare) e dei consiglieri Fabio Rolfi (Lega nord) e Gian Antonio Girelli (Pd), i tre esponenti politici bresciani hanno diffuso stamane una nota congiunta per annunciare che “si sta lavorando per trovare le risorse regionali necessarie per permettere ai pendolari bresciani, già titolari degli abbonamenti integrati Carta Plus, di poter utilizzare anche i treni Frecciarossa senza nessun aumento di costi”.

“Ieri – si legge nel comunicato – si è svolto un incontro a Milano tra Regione Lombardia e i vertici di Trenitalia, al quale ha partecipato l’assessore Parolini insieme al collega titolare dei Trasporti Alessandro Sorte. Un confronto che ha dato un primo risultato positivo, perché la società dopo un lungo confronto, ha confermato la disponibilità di accogliere le nostre richieste”.

“Ora, in attesa di organizzare un'offerta organica di Trenord e Trenitalia per treni veloci a costi sostenibili per i pendolari sulla tratta a partire dal 2017, è necessario stringere i tempi per attuare la soluzione fino all'apertura della linea AV e – hanno aggiunto Parolini, Rolfi e Girelli – garantire un servizio adeguato alle migliaia di cittadini della provincia di Brescia e dell'alto mantovano che ogni giorno raggiungono Milano”.

“Per questo – hanno concluso Parolini, Rolfi e Girelli – abbiamo presentato una mozione urgente, già sottoscritta trasversalmente da tutti i gruppi consiliari ad eccezione di quello dei 5 stelle, che impegna la Giunta a reperire i fondi necessari per sostenere concretamente la realizzazione di questo obiettivo entro poche settimane”.