Milano, 17 lug. – “Regione Lombardia ha deciso di impugnare avanti al Tar del Lazio il parere negativo dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale sulla cattura di uccelli selvatici da richiamo per l’anno 2015”. Ad annunciarlo è l’assessore regionale Mauro Parolini al termine della seduta odierna di Giunta che ha dato mandato agli avvocati di procedere.
“Un atto dovuto – ha commentato Parolini – che Regione Lombardia ha intrapreso nel rispetto, soprattutto, delle radici culturali dell’attività venatoria in Lombardia e per tutelare il valore storico dei roccoli, nonché l’indotto e l’attività economica legata a questa pratica”.

“Abbiamo valutato che il parere espresso da ISPRA, che nega la possibilità del prelievo  non motiva puntualmente il diniego in relazione agli elementi addotti da Regione Lombardia in ordine all'assenza di soluzioni alternative soddisfacenti. Inoltre – ha concluso l’assessore – per quanto attiene la modalità di calcolo della piccola quantità, il rilievo avanzato da Ispra contiene elementi di debolezza e contraddittorietà che confermano le nostre intenzioni a procedere”.