Cannes/Fr, 16 mar. – "Con i suoi quasi 10 milioni di abitanti, le sue 800.000 imprese e il 22% del Pil nazionale, superiore a quello di molti stati europei, Regione Lombardia può essere considerata il motore economico d'Italia e una delle prime a livello europeo". Lo ha detto l'assessore allo Sviluppo economico della Regione Lombardia Mauro Parolini intervenendo, oggi, al Mipim, il Salone internazionale dello sviluppo, della finanza e degli investimenti immobiliari, in programma a Cannes, fino a venerdì 18 marzo.

ECCELLENZE – "Siamo una delle principali regioni manifatturiere d'Europa – ha sottolineato l'assessore – una regione estremamente attrattiva per gli investimenti, che ospita la seconda Fiera d'Europa e che è sempre più votata al turismo, con 34 milioni di presenze turistiche all'anno, di cui 57% stranieri. Siamo anche una regione che accoglie studenti da tutto il mondo nelle nostre 12 università (con il 30% di studenti stranieri). L'apertura internazionale è storicamente uno dei nostri tratti distintivi (regione Lombardia è prima in Italia per valore dell'interscambio commerciale con i mercati esteri), così come lo sono la cultura, l'arte e la bellezza del paesaggio".

INVESTIMENTI ESTERI – "La Lombardia – ha aggiunto – è la principale destinazione degli investimenti esteri in Italia. In particolare, l'area metropolitana di Milano ha una grande attrattiva per le multinazionali che tentano un ingresso nel mercato italiano; infatti, rientra nella top 10 delle aree metropolitane europee per investimenti stranieri".

'INVEST IN LOMBARDY' – "Dalla nostra esperienza sul campo, sviluppata attraverso il servizio 'Invest in Lombardy', che supporta gli investitori esteri nella nostra regione – ha spiegato l'assessore – abbiamo rilevato che le imprese estere che stanno investendo a Milano e in Lombardia ricercano alcuni specifici elementi come: acquisire know how e nuovi clienti sul mercato italiano e europeo; avere a disposizione una base logistica in Europa e risorse umane eccellenti a un costo minore di altri Paesi europei; ricevere una miglior qualifica internazionale producendo prodotti Made in Italy; importare dall'Italia prodotti di qualità; favorire i flussi turistici dai propri Paesi; acquisire asset rilevanti nel mercato real estate più dinamico in Italia e tra i più interessanti in Europa".

MERCATO REAL ESTATE IN LOMBARDIA – "Degli 8 miliardi di investimenti corporate realizzati lo scorso anno in Italia – ha evidenziato Parolini – più dei due terzi hanno visto muoversi un investitore internazionale. Milano è la città italiana più attrattiva per gli investitori immobiliari nel 2016. Il capoluogo lombardo si trova all'ottavo posto della classifica che annovera i centri europei più attraenti per chi vuole investire nel mattone. Tra il quarto trimestre 2014 e il terzo trimestre 2015 Milano ha registrato circa 4 miliardi di investimenti".

PROGETTI – "Regione Lombardia – ha concluso – presenta qui al MIPIM un portafoglio di progetti che rappresentano delle concrete opportunità di investimento e di business. Tra questi il 'Post Expo' che mira a identificare un futuro sviluppo dell'area a conclusione dell'Esposizione Universale del 2015 fondato su due strategie integrate e parallele: un orizzonte di medio-lungo termine del concept del Parco Pluritematico di attività innovative (dove convivano formazione, ricerca, attività imprenditoriali e produzione innovativa) e una strategia immediata di gestione e valorizzazione dell'area, il cosiddetto Fast Post Expo. Gli altri sono progetti che provengono da quasi tutto il territorio della regione e coprono un ampio spettro di segmenti di mercato tra i quali: spazi direzionali, commerciali e produttivi; aree urbane con mix di funzioni; progetti di riqualificazione di aree cittadine dismesse; insediamenti turistico-residenziali in luoghi di attrattività turistica, come il lago di Garda. Progetti che richiedono investimenti almeno di 10-15 milioni di euro, fino ad arrivare a 100/200 milioni".