Bresciaoggi 6 marzo 2012
 
Finalmente il casello di Manerbio, che era rimasto chiuso dallo scorso dicembre: da ieri è utilizzabile in entrata e in uscita, nonostante lavori in corso che non pregiudicano la fruibilità del passaggio
Demolite completamente le vecchie stazioni, è dunque tornata disponibile una struttura assolutamente innovativa, con nuove piste di entrata adatte anche ai trasporti eccezionali, una nuova pensilina e nuova postazione per il fabbricato degli addetti ai lavori.
È una notizia che Manerbio e i paesi limitrofi attendevano da tempo, dopo aver subito mesi di disagi per la chiusura del casello; una lacuna molto sentita da tutti gli automobilisti, autotrasportatori, lavoratori e studenti.
Ci si era pienamente resi conto resi conto di quanto fosse comodo lo svincolo proprio dal giorno della sua chiusura: da allora i tempi per raggiungere Brescia città erano più o meno raddoppiati, a causa del traffico aumentato e delle norme di velocità nei centri abitati. 
Il direttore generale di Austostrade Centropadane, Francesco Acerbi è soddisfatto: «I lavori sono perfettamente rientrati nei tempi stimati, nonostante i disagi del maltempo». Le recenti nevicate avevano fatto temere l´allungamento dei tempi, ma così non è stato.
Altra buona notizia: contrariamente a quanto si temeva, nonostante i lavori ancora in corso, il casello in uscita non verrà chiuso, ma sarà sistemato in itinere, senza alcun blocco necessario se non al massimo per qualche modifica speciale, che potrà prevedere il divieto di uscita da Manerbio solo per qualche ora. Nessuno stop duraturo è dunque in previsione.
E intanto, per il sollievo di molti, si torna ad usufruire dell´A21 dopo mesi di disagi.