Bresciaoggi 11 maggio 2011
 
Presidente Augusto Galli (cremonese di area Pd), vicepresidenti Alberto Sciumè e Mauro Parolini in capo a Cremona, Vigilio Bettinsoli per Brescia. Consiglieri Giuliana Pezzi (Comune di Brescia), Eugenio Massetti (Camera di commercio di Brescia), Gennaro Auricchio (Camera di commercio di Cremona), Cristian Chizzoli (leghista di Crema), Roberto Bozzoni (sindaco leghista di Pontevico), più i piacentini Bottazzi e Betti. È fumata bianca per il Cda di Centropadane.
L’accordo tra bresciani e cremonesi è stato trovato grazie a una soluzione salomonica. Dei tre consiglieri di nomina assembleare sia Brescia che Cremona ne volevano due. Il quarto posto si è trovato nel Cda dell’autostrada Cremona-Mantova «Stradivaria» (presidente Sciumè e vice Chizzoli) progetto di Centropadane, ed è andato a Brescia. Due a due, Parolini e Chizzoli a Cremona, Bozzoni e il consigliere in Stradivaria a Brescia.
Soddisfatti pure i partiti. Il Pdl oltre a Parolini piazza Sciumè, entrambi voluti dal presidente della provincia di Cremona Massimiliano Salini, di area ciellina come loro. E a Brescia schiera Vigilio Bettinsoli, presidente del D’Annunzio. Pure la Lega dispone di tre consiglieri (due bresciani).
Curioso è che amministrazioni di centrodestra abbiano confermato alla presidenza Augusto Galli, nel segno della continuità voluto del sindaco di Cremona Oreste Perri. In quel segno Parolini doveva restare vice vicario, ma l’Assemblea di ieri sera si è conclusa senza nominare la vicaria. A rigor di logica doveva andare a Bettinsoli: «Sicuramente faremo valere le nostre ragioni nell’interesse del territorio», si limita a dichiarare.
L’accordo è stato raggiunto nel corso della giornata di ieri. La Lega cremonese, che nei giorni scorsi si era detta contraria a una riconferma della presidenza Galli, ha fatto un passo indietro.
«Abbiamo lavorato con diplomazia politica prima sciogliendo i nodi su Brescia e poi concentrandoci sul rapporto con Cremona – confessa il capogruppo Pdl in Broletto Diego Invernici -, i bresciani avranno ruoli di peso nel Cda e nel Comitato esecutivo». Ma l’obiettivo di fare di Bettinsoli il vicario è fallito. Per il momento.MI.VA.