Milano, 7 mag. – “Il turismo slow è uno dei settori più promettenti su cui Regione Lombardia sta investendo per consolidare e promuovere l’incoming nei centri urbani delle nostre città d’arte e nell’aree turistiche lombarde maggiormente caratterizzate dalla bellezza dei paesaggi e dal contatto con la natura”.  È quanto ha dichiarato stamane Mauro Parolini, assessore al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia durante l’evento “Artibici: stati generali della bicicletta artigiana” promosso da Confartigianato nell’ambito delle iniziative Fuori Expo all’Italian Makers Village di Milano.

OPPORTUNITÀ DI CRESCITA – “Il cicloturismo, in particolare, è in costante crescita a livello europeo. La Lombardia può contare su una rete di percorsi ciclabili molto estesa, ma non è ancora un prodotto turistico consolidato. Investire sul turismo sostenibile e sull’infrastrutturazione per la mobilità lenta – ha sottolineato Parolini – significa pertanto aprire notevoli opportunità sul mercato comunitario e generare prospettive di crescita diffusa, in armonia con il paesaggio, per le economie locali e la piccola media impresa turistica. Si stima infatti che in Europa ogni chilometro di ciclabile turistica sia in grado di generare un indotto annuo tra i 110 e i 350mila euro”.

METTERE IN RETE ECCELLENZE ARTIGIANATO – “L’eccellenza e la creatività che sono in grado di esprimere le produzioni artigianali in Lombardia e in Italia nel settore della bicicletta riusciranno  sicuramente ad intercettare questa crescita nella domanda, ma se si procede uniti e si mettono in rete competenze e risorse attraverso iniziative come questa – ha concluso Parolini – aumentano le dimensioni del comparto e si otterrà di essere commercialmente più visibili e competitivi nella vastità del mercato globale. Regione Lombardia è pronta a fare la sua parte e a facilitare questo processo di sinergie e collaborazione”.