Questa settimana sono stati inseriti nel registro regionale dei Negozi Storici quattro nuove attività della provincia di Brescia. Luoghi storici del commercio che rappresentano un patrimonio che voglio continuare a valorizzare e sostenere, perché sono punti di riferimento ed elementi di attrattività per i centri urbani. E poi perché dietro queste insegne ci sono storie di vita significative, che raccontano la nostra identità e un modo di fare attività economica in grado di durare nel tempo, nonostante la crisi e i rapidi cambiamenti imposti dal mercato.

È dal 2004 che Regione Lombardia, in accordo con gli enti locali e le associazioni di categoria, ha istituito questo riconoscimento proprio per tener viva la memoria e premiare la professionalità di quelle generazioni di imprenditori che da più di cinquant’anni hanno saputo unire tradizione e innovazione e creare con il loro servizio un valore per le comunità di riferimento. In provincia di Brescia sono più di 150, 43 quelli riconosciuti solo durante questa legislatura che mi ha visto assessore allo Sviluppo economico.

Quello del riconoscimento e del sostegno alle attività storiche è solo una delle iniziative inserite in un ampio contesto di misure messe in campo in favore del commercio dal mio assessorato. Misure che in provincia di Brescia hanno sostenuto, attraverso l’erogazione di contributi ed incentivi per oltre 9,4 milioni di euro, quasi 31 milioni di investimenti nel settore durante la legislatura.

Per conoscere e approfondire il mondo dei negozi storici visita il sito http://www.negozistoricilombardia.it/