Milano, 2 ott. – “Salgono a più di 6,9 milioni di euro le risorse per questa misura, che è nata con l’obiettivo di dare ossigeno ai territori montani, per aiutarli ad attrarre nuovi investimenti e a trovare la modalità con cui valorizzare i punti di forza e le vocazioni”. È quanto ha annunciato stamane l’assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia Mauro Parolini al termine della seduta di Giunta, che ha approvato l’ulteriore stanziamento di quasi un milione di euro per l’attuazione di Asset, l’iniziativa regionale rivolta ai Comuni montani per favorire il mantenimento e il reinsediamento di imprese produttive (artigiane e industriali), della distribuzione commerciale, del turismo e dei servizi.

RILANCIARE OCCUPAZIONE – “L’incremento approvato – ha spiegato Parolini – sarà utilizzato per sostenere in modo più completo, efficace ed organico i progetti strategici di sviluppo proposti dai vari territori per rilanciare l’occupazione e l’imprenditorialità locale”.

DAL TERRITORIO GIÀ 21 PROPOSTE – “La risposta degli enti locali, dei soggetti pubblici e privati – ha sottolineato l’assessore – è stata molto convincente: sul tavolo ci sono infatti 21 proposte progettuali, che coinvolgono più di 240 realtà tra Comuni, Unioni di Comuni, Comunità Montane e Camere di Commercio e che prevedono oltre 22 milioni di euro di investimenti pubblici e privati. Segno, questo, dalla bontà del nostro intervento e, soprattutto, della volontà di riscatto dei territori montani e delle sinergie positive che si sono create”.

AIUTO CONCRETO A COMUNI MONTANI – “Un terzo dei comuni lombardi è costituito da aree montane. Molte di queste – ha concluso Parolini – hanno subito negli ultimi anni fenomeni di spopolamento, malgrado le potenzialità e la presenza di importanti tradizioni imprenditoriali e risorse turistiche. Asset è stata pensata proprio come antidoto contro questi fenomeni, un aiuto concreto ai Comuni montani che punta a favorire il partenariato ed a finanziare idee concrete di sviluppo che faranno leva sull’integrazione tra produzione, commercio, artigianato, turismo e servizi di pubblica utilità”.

SOGGETTI BENEFICIARI – Attraverso il soggetto capofila (Comune, Comunità Montana o una Unione di Comuni), che è referente del progetto per Regione Lombardia, i beneficiari sono i partenariati, che devono aggregare almeno 5 Comuni e prevedere il coinvolgimento delle associazioni più rappresentative delle imprese del commercio, produttive (artigiane e industriali), del turismo e dei servizi e le Micro e PMI produttive (artigiane e industriali), della distribuzione commerciale, del turismo e dei servizi.

INTERVENTI – I progetti, la cui durata massima è di 24 mesi, sono sviluppati in una prima fase attraverso una programmazione negoziata con Regione e vengono articolati nelle seguenti aree di intervento: mantenimento e crescita del tessuto imprenditoriale; promozione, animazione e marketing; Interventi pubblici per lo sviluppo socio economico del territorio.

CONTRIBUTI – La misura prevede contributi a fondo perduto fino a 300mila euro, che coprono al massimo il 50% del costo totale dei singoli progetti.