Giornale di Brescia 11 Luglio 2010
 
Le casse della Regione si aprono per il Bresciano. La commissione regionale Agricoltura, presieduta da Carlo Saffioti (Pdl), ha detto sì ai provvedimenti finanziari (rendiconto generale 2009 e assestamento al bilancio 2010), che saranno sottoposti all’approvazione definitiva dell’aula nella sessione di Bilancio di fine luglio. A favore si sono espressi Pdl e Lega Nord, astenuti Udc e Pd, contrario il gruppo dell’Idv.
Nell’assestamento, come ha evidenziato il relatore Mauro Parolini (Pdl), risorse aggiuntive pari a circa 43 milioni di euro sono state reperite per l’agricoltura e l’economia montana, mentre altri 10 milioni di euro andranno a beneficio di parchi e risorse idriche. La Commissione ha autorizzato il cofinanziamento regionale per gli interventi di messa in sicurezza del Lago d’Idro (15,4 milioni di euro, di cui 4,2 sul 2010, 8 sul 2011 e 3,2 sul 2012, ad integrazione delle risorse statali assegnate con delibera Cipe 34/2005). «Questi soldi serviranno solo per la messa in sicurezza – ha precisato Parolini – mentre per quanto riguarda il progetto che sul lago d’Idro prevede la possibilità di realizzare le paratie e un tunnel, ci confronteremo coi sindaci per valutare ogni soluzione e adottare quelle più condivise e rispettose della volontà reale del territorio».
Parolini ha quindi espresso soddisfazione anche per il finanziamento dell’accordo di programma della Valgrigna, che interessa un territorio di circa 10mila ettari, quasi tremila dei quali di foresta regionale, e che coinvolge i Comuni di Artogne, Berzo Inferiore, Bienno, Bovegno, Collio, Esine, Gianico e Prestine. L’accordo prevede un impegno finanziario complessivo di 4,7 milioni distribuito su un asse temporale di quattro anni.