SCUOLA. PAROLINI (NCD): “SALVAGUARDATA LA LIBERTÀ DI SCELTA”

 

Milano, 31 gennaio 2014 – “Un risultato importante quello raggiunto oggi dal Nuovo Centrodestra sul tema della scuola e in particolare sulla salvaguardia del principio della libertà di scelta del percorso educativo da parte della famiglie”. Questo il commento del capogruppo del Nuovo Centrodestra in Regione Lombardia, Mauro Parolini, sull’approvazione oggi in giunta dei nuovi criteri di assegnazione della Dote Scuola.

 

“Infatti solo attraverso – spiega Parolini – l’innalzamento, da noi richiesto, dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) da 35 a 38 mila euro, sarà garantito l’accesso al Buono Scuola anche a quelle famiglie che magari con grandi sacrifici hanno comprato la loro casa. È, infatti, importante ricordare che nel calcolo dell’ISEE è compreso il valore degli immobili posseduti, anche della prima casa”.

 

“Inoltre non abbiamo condiviso – conclude il capogruppo del Nuovo Centrodestra – la scelta dell’Assessore Aprea di azzerare la Dote Scuola Merito, al contrario siamo convinti che gli studenti che si impegnano raggiungendo l’eccellenza vadano premiati anche per valorizzarne l’esempio. Per questo abbiamo chiesto e ottenuto il ripristino, all’interno della delibera, della Dote Merito con uno stanziamento di un milione di euro. Sarebbe stato inaccettabile che questo strumento fosse cancellato nella Regione che da sempre punta sul riconoscimento del merito dei suoi giovani”.