Milano, 23 dic. – “Explora diventa a pieno titolo la nostra Destination Management Organization, la Lombardia si dota finalmente di una società ad hoc che si occupa in maniera strategica di promuoverla come destinazione turistica, mettendo in rete tutte le realtà e gli elementi che definiscono l’attrattività della nostra regione”. È quanto ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia Mauro Parolini a margine della seduta odierna di Consiglio che ha trattato il Bilancio di previsione 2016 – 2018, commentando l’approvazione dell’emendamento finalizzato all’acquisizione del 60% di Explora spa.

FACILITATORE DELLA ATTRATTIVITÀ TERRITORIO LOMBARDO – “Il suo obiettivo è l’incremento della competitività ed attrattività turistica. Explora – ha sottolineato l’assessore – sarà il perno del nostro sistema turistico, un facilitatore della attrattività del territorio con la funzione specifica di integrare e mettere a sistema i soggetti istituzionali e quelli soggetti privati presenti sul territorio, anche in una logica sovraregionale, per produrre esperienze turistiche attrattive da offrire ad un mercato in forte crescita e in grado di offrire gradi opportunità di sviluppo”.

STRUMENTO DI PROMOZIONE – “Compito di Explora, che oltre a Regione Lombardia ha come soci la Camera di commercio di Milano e Unioncamere Lombardia, è anche quello di sviluppare attività di promocommercializzazione e nuovi progetti di promozione, più competitivi ed inclusivi, proprio per superare l’eccessiva frammentazione che ha indebolito negli anni l’efficacia delle nostra promozione turistica. Su questo obiettivo – ha concluso Parolini – si sta già lavorando per rivedere completamente la presenza digitale della Lombardia, è già nato il nuovo brand ‘InLombardia’, che accompagna e valorizza sotto un unico cappello inclusivo quelli già affermati come Milano, il lago di Come e quello di Garda, e sta per nascere un piano di comunicazione complessivo, che sarà in grado di far compire alla nostra regione quel salto di qualità in ambito turistico che merita. Inoltre abbiamo attivato collaborazioni forti con altre regioni e una cabina di regia con Piemonte e Liguria per azioni coordinate e quindi più efficaci".