MILANO, 7 feb. – “Non è stata una passerella, ma un momento di confronto significativo ed operativo”. È quanto ha dichiarato Mauro Parolini, Assessore al Turismo, Commercio e Terziario di Regione Lombardia, a margine dell’evento promosso dal Ministero delle Politiche Agricole ed Expo 2015 SpA “Le idee di Expo 2015 – Verso la Carta di Milano”.

L’Assessore Parolini, che ha partecipato al tavolo tematico “Ricettività e turismo: 20 milioni di visitatori”, coordinato dal Piero Galli, Direttore Generale Divisione Gestione Evento EXPO 2015 S.p.A., ha apprezzato in particolare "il dialogo concreto con il Ministro Franceschini, il Sindaco Fassino, gli esperti del settore e i player privati”.

In una nota Parolini ha spiegato di “aver trovato forte corrispondenza fra gli intervenuti al tavolo con i principi che hanno ispirato la riforma del turismo in Lombardia: promozione integrata, semplificazione, innovazione e qualità”.

“Non si è sicuramente perso tempo – ha aggiunto l'Assessore – questa modalità di dialogo è stata molto proficua, perché ha permesso ad esperti e personalità del pubblico e del privato di confrontarsi alla luce del comune desiderio di cogliere appieno le grandi opportunità offerte da Expo, di compiere un ulteriore passo nel superamento della frammentarietà che contraddistingue la promozione turistica del nostro Paese e di alzarsi dal tavolo con una road map ben definita”.

“Expo rappresenta il primo grande appuntamento su cui potremo misurare la qualità del nostro sistema turistico, soprattutto in Lombardia. L’Esposizione Universale – ha spiegato Parolini – sarà infatti una vetrina fondamentale, che permetterà di diffondere a livello internazionale l’immagine del nostro Paese e di compiere un vero proprio salto di qualità con effetti stabili".

“La Lombardia è una delle prime regione italiana in ambito turistico: la ricchezza della sua offerta, che passa attraverso Milano, le città d’arte, il turismo religioso, le aree turistiche lacuali e montane, costituisce un attrattività unica, soprattutto per quei Paesi emergenti che si stanno affacciando al mercato turistico e rappresentano una porzione molto importante della domanda internazionale. Il turismo – ha cocnluso Parolini – è infatti uno dei settori più dinamici dell’economia mondiale, continua a crescere nonostante la crisi e rappresenta un asset strategico fondamentale per lo sviluppo del sistema economico italiano e lombardo”.