Rho-Pero/Mi, 04 lug. -"Il mercato del turismo cambia velocemente, continua a crescere e a offrire grandi opportunità a livello mondiale. Per afferrare ed entrare in questa prospettiva dinamica, credo sia necessario investire in primo luogo su una rinnovata consapevolezza della ricchezza di questo patrimonio e di tutti i fattori che contribuiscono a definire la nostra attrattività e unicità. Ci sono infatti rendite di posizione, errori e abitudini che, nel corso degli ultimi anni, hanno affievolito questa coscienza e abbassato le nostre performance. Insieme dobbiamo fare quello che in autonomia ogni regione fa per ottenere risultati ancora più competitivi, insomma, l'unione fa la forza". Lo ha detto l'assessore al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia Mauro Parolini intervenuto alla 'Commissione Turismo della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome' che si è svolta, questo pomeriggio, a 'Pianeta Lombardia', il sito della Regione all'interno di Expo.

BRAND ITALIA – "È importante – ha aggiunto Parolini – arrivare alla creazione di una road map comune per la promozione integrata del brand Italia sui mercati internazionali, il superamento della frammentarietà e la condivisione di idee e risorse".

 

PARTECIPANTI – All'incontro erano presenti assessori e rappresentanti di molte Regioni italiane tra le quali Toscana, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria e Abruzzo oltre, naturalmente, alla Lombardia.

URGONO RISORSE STATALI – "Le Regioni confermano l'opportunità che via sia un ente nazionale di promozione turistica integrato da quello che fanno le regioni sussidiario e complementare. È ora – ha sottolineato Parolini – che lo Stato metta a disposizione risorse adeguate che finora sono mancate a fronte di un settore che produce il 10 per cento del Pil e che, finora, ha avuto investimenti statali irrisori. Questo è un settore su cui investire – ha concluso l'assessore Parolini – che può ancora crescere e che ha un alto tasso di occupazione".