Il sussidiario.net
 

Da alcune settimane Roberto Formigoni, presidente della regione Lombardia, sta facendo sentire la sua voce, criticando la manovra del ministro Tremonti. I tagli alle regioni per dieci miliardi di euro – fa sapere il governatore lombardo – non sono sostenibili, sono iniqui e contro il federalismo. Una posizione condivisa da tutti i governatori che, con il documento di ieri firmato all’unanimità alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, hanno inviato al Governo un segnale forte e chiaro affinché riveda le proprie posizioni.

 

«Le mie sono le proposte dell’uomo di buon senso – dice il Presidente della Lombardia a IlSussidiario.net -. La manovra è doverosa perché stiamo attraversando un periodo che impone sacrifici, ma è bene che questi siano ripartiti tra tutti. Come farebbe un padre di famiglia con i propri figli».

 

 

Il Ministero dell’Economia non si sta comportando come un buon padre di famiglia?

 

Il Ministero sta mettendo un carico da novanta sulle spalle del figlio regione e sta chiedendo di tirare la cinghia a province e comuni. Non chiede però nessun impegno ai ministeri. Non mi sembra la strada giusta.

 

 

Quali sono le sue proposte correttive?

 

La mia proposta è semplice e concreta: con un taglio del 3,43% dal bilancio di ciascuno (ministeri, regioni, province e comuni) raggiungeremmo la somma di 25 miliardi di euro in modo più equo e giusto.

 

 

Nessuna differenza perciò tra regioni virtuose non virtuose? Soltanto una redistribuzione degli sforzi?


continua in http://www.ilsussidiario.net/articolo.aspx?articolo=93329