Milano, 4 mag. – “A partire dal prossimo 11 maggio le imprese lombarde potranno presentare domanda per ricevere fino a 50mila euro di contributo per i progetti di responsabilità sociale che svilupperanno nelle comunità locali di riferimento”. Così Mauro Parolini, assessore regionale allo Sviluppo Economico, annunciando la pubblicazione del bando da 850mila euro di Regione Lombardia – promosso in collaborazione con le Camere di Commercio Lombarde e Unioncamere Lombardia, ente attuatore della misura – rivolto alle aziende per finanziare azioni di valenza sociale, ambientale e culturale.

RESPONSABILITÀ SOCIALE FATTORE DI COMPETITIVITÀ – “Oggi la responsabilità sociale d’impresa si configura sempre più come un fattore strategico di competitività al pari dell’innovazione, dell’efficienza della pubblica amministrazione o dei costi energetici e Regione Lombardia – ha spiegato Parolini – è impegnata a diffondere concretamente questa opportunità, perché concorre a promuovere modelli di gestione d’impresa sostenibili, con un orizzonte ben più ampio ed aperto della sola ricerca del profitto aziendale, in grado di affermarsi come driver per uno sviluppo più armonico del territorio”.

PRESIDENTE AURICCHIO – “Gli imprenditori  – ha dichiarato Giandomenico Auricchio, Presidente di Unioncamere Lombardia – sanno quanto sia importante l'impegno per la propria comunità, verso i collaboratori e con tutto l'ambiente nel quale operano e con questo bando hanno uno strumento in più per incrementarlo e sostenerlo. I contributi del bando saranno un beneficio concreto e tangibile per chi ha fatto un passo in più, acquisendo il ‘rating di legalità’ o aderendo alla raccolta di buone prassi lombarde di Responsabilità Sociale che Regione Lombardia e le Camere di Commercio organizzano ogni anno. Così la trasparenza viene essere premiata e incoraggiata in modo chiaro, così da servire da esempio, fornendo anche idee e spunti per comportamenti più responsabili da parte di tutti.

RICONOSCERE STILI ESEMPLARI DI FARE IMPRESA – “Gli interventi che questo bando finanzierà sono quelli legati agli ambiti dello sviluppo locale sostenibile, della green economy e dell’innovazione sociale. Il nostro obiettivo è quello di contribuire con questa iniziativa a diffondere e riconoscere stili esemplari di fare impresa che assecondino positivamente i comportamenti sempre più consapevoli dei consumatori, che creino benessere aziendale e sociale, consapevolezza, corresponsabilità, efficienza nella produzione, miglioramento della sostenibilità ambientale e della reputazione aziendale”.

SCHEDA

AMBITI DI INTERVENTO – Attività a favore della comunità locale per lo sviluppo sostenibile legate all’impatto aziendale sul territorio e/o finalizzate a rispondere ai bisogni della comunità locale stessa (a titolo di esempio: recupero di strutture architettoniche con finalità di utilità sociale adottando tecnologie innovative/eco-compatibili, progetti di coinvolgimento delle comunità locali, azioni di integrazione, coinvolgimento e controllo di filiere “corte” e responsible sourcing, acquisti solidali sul territorio, sensibilizzazione e sostegno alla comunità locale per consumo critico, realizzazione di orti urbani, tutela paesaggistica, recupero di tradizioni e memoria storica, collaborazione con strutture scolastiche e formative sul tema della Responsabilità Sociale, volontariato d’impresa, ecc.); attività legate allo sviluppo della “green economy” per la sostenibilità ambientale con ricadute dirette e misurabili sul territorio (ad esempio: mobilità sostenibile, riqualificazione di aree verdi, riduzione degli sprechi e delle emissioni, product life-cycle, management ambientale, miglioramenti della qualità delle emissioni, acque, riduzione dei rifiuti, ecc.); attività di innovazione sociale con il coinvolgimento della società civile, volontariato e “terzo settore” (ad esempio: soluzione di problematiche territoriali socio-economiche, progetti di coesione sociale coinvolgendo le fasce sociali più deboli, integrazione sociale, sicurezza dei luoghi e contesti socio territoriali, ecc.).

TIPOLOGIA DEI CONTRIBUTI – Il contributo a fondo perduto verrà concesso nella misura massima del 50% delle spese sostenute ammissibili (al netto di IVA) con un valore minimo di contributo pari a € 10.000,00 fino a un massimo di € 50.000,00. Verranno pertanto presi in considerazione solo i progetti con spese ammissibili non inferiori a Euro 20.000,00 più IVA.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE – Le domande di contributo devono essere presentate a partire dalle ore 10:00 dell’11 maggio 2016 fino alle ore 10:00 del 30 giugno 2016 a Unioncamere Lombardia esclusivamente tramite il sito http://webtelemaco.infocamere.it.

Le istruzioni per profilarsi e compilare la domanda sono disponibili sul sito www.unioncamerelombardia.it nell’apposita sezione “Bandi e contributi alle imprese”.