Milano, 23 ottobre, "Valorizzare il terziario, attraverso l'adozione di servizi digitali innovativi che favoriscano la crescita delle aziende e offrano servizi migliori e più economici per i consumatori, è l'obiettivo di questo bando di Innovazione del Terziario, finalizzato all'adozione di servizi avanzati e qualificati in vista di Expo, che ha erogato contributi alle Micro, piccole e medie imprese lombarde per un importo complessivo di 1.139.500 euro". Lo ha detto l'assessore al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia Mauro Parolini, commentando l'assegnazione dei contributi alle Micro, piccole e medie imprese del commercio, del turismo e dei servizi, che hanno partecipato al bando per l'Innovazione del Terziario.

ACCORDO CAMERALE – Il bando è stato cofinanziato da Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia e le Camere di Commercio di Brescia, Cremona, Lecco, Milano, Monza e Brianza, Varese sulla base dell'Accordo di programma con il Sistema camerale. "Come in molte altre occasioni Regione Lombardia non si muove da sola – ha spiegato Parolini -, ma lo fa in stretta collaborazione con gli altri soggetti del sistema economico, per dare più forza agli interventi".

ABBATTERE I CONFINI – "Molto gettonata – ha sottolineato l'assessore – la tematica dell' 'extended enterprise', ovvero un modello organizzativo concepito per abbattere i confini d'impresa, che abilita modalità di relazione innovative tra gli attori che costituiscono la filiera, coinvolti quindi nel design, nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di beni o servizi".

CONTRIBUTI PER PROVINCE – L'erogazione dei contributi a fondo perduto a copertura del 40 per cento delle spese per l'acquisto di beni e servizi è stata così suddivisa per province: Brescia, 143.903 euro; Cremona, 46.950 euro; Lecco,  34.287 euro; Monza e Brianza 75.284 euro; Milano 774.928 euro; Varese 64.165 euro. 

PROGETTI FINANZIATI – "Con l'obiettivo di favorire le azione nella creazione di strumenti di conoscenza della clientela e di comunicazione facilitata dentro la filiera – ha concluso Parolini – fra i progetti finanziati risultano principalmente quelli legati all'introduzione di tecnologie che permettono la condivisione di informazioni lungo la filiera e di sistemi digitali innovativi volti a sviluppare nuovi punti di contatto in processi tradizionalmente poco 'collaborativi', quali, ad esempio, soluzioni che, all'interno del punto vendita, permettono al cliente di verificare la disponibilità dei prodotti e richiedere eventuali personalizzazioni in tempo reale".

PROVINCIA DI BRESCIA

– Ingros Carta Giustacchini, Innovazione delle modalità di acquisto in store

– W-Jam, Implementazione di un sistema di tracciatura dei mezzi di trasporto e di efficientamento della movimentazione dei rifiuti.