Giornale di Brescia 12 giugno 2010
 
Appello ricevuto. Metabolizzato. E rispedito al mittente, con una promessa pronunciata con fermezza. «Nel giro di una decina di giorni interverremo sul tratto di Sp 53 che ha bisogno di lavori».
All’indomani dello sfogo del sindaco di Irma Mauro Bertelli, l’assessore provinciale ai Lavori pubblici Mauro Parolini raccoglie la sollecitazione del primo cittadino triumplino e garantisce «una rapida risoluzione del problema sulla Aiale-Marmentino».
Quel tornante da mettere in sicurezza
Tutto era nato dal collasso (con successivo crollo) di un tratto del muro di sostegno di uno dei tornanti che punteggiano la Strada provinciale 53 Aiale-Marmentino. Pesanti le conseguenze sul tratto in questione, con l’apertura di una vera e propria voragine nella sede stradale. L’Amministrazione di quello che, per numero di abitanti, è il più piccolo Comune della provincia, si era subito messa in moto (il crollo risale al marzo scorso), chiedendo che si intervenisse immediatamente per evitare che il Paese si trovasse isolato, oltre che per attenuare una situazione di evidente pericolosità.
Col passare dei mesi, come ricordato da Bertelli, di cantieri non si è vista nemmeno l’ombra. Non solo: la situazione è progressivamente peggiorata a causa delle piogge di aprile e maggio, giunte a esasperare uno stato di emergenza vissuto dagli abitanti del centro valtriumplino con una certa apprensione, anche alla luce del fatto che – sempre secondo Bertelli – il continuo procrastinare della data di inizio lavori metterebbe a rischio il servizio di linea per il trasporto scolastico e il collegamento con Tavernole e Marmentino. Ed è a questo punto che l’assessore provinciale Parolini è intervenuto, iniziando col riconoscere «la legittimità delle preoccupazioni del sindaco Bertelli: capisco la sua apprensione e, da parte mia, una volta venuto a conoscenza della situazione sulla Sp 53, mi sono adoperato per allertare il servizio manutenzione, in modo da poter dare il via all’intervento di messa in sicurezza della strada danneggiata».
Entro dieci giorni via ai cantieri
Le sollecitazioni di Parolini, però, sono rimaste lettera morta. Una situazione di stallo causata, come ricordato dallo stesso assessore, da difficoltà economiche. «Siamo stati frenati dal Patto di stabilità – conferma Parolini -, con la conseguente impossibilità di fare investimenti. Ma, d’altra parte, non possiamo tralasciare di sistemare le nostre strade».
Partita rimandata a data destinarsi? Fortunatamente no: la sollecitazione del sindaco di Irma sembra essere giunta proprio al momento giusto. Dall’Assessorato provinciale ai lavori pubblici sono infatti arrivate tutte le rassicurazioni del caso, con un impegno preciso da parte di Mauro Parolini. 
«Nel giro di 10 giorni saremo in grado di mettere in sicurezza il tornante danneggiato: vi investiremo circa 100mila euro e cercheremo di portare a termine l’intervento nel minor tempo possibile, così da ridurre al minimo gli ulteriori disagi».
Ma non è tutto: sembrano imminenti anche i lavori sulla strada per Marmentino, ovvero quel tratto che si può considerare come la prosecuzione della Sp 53, che ferma… la propria corsa proprio all’altezza dell’abitato di Irma. 
«Contestualmente all’intervento sul tornante danneggiato – conclude Parolini – realizzeremo alcuni lavori per evitare smottamenti e frane, che in qual tratto di strada – che è una Provinciale pur essendo, sostanzialmente, una strada di montagna – si sono verificati di recente. In buona sostanza, si tratta di lavori di intercettamento delle acque che permetteranno di preservare la sicurezza del tracciato stradale».ramp