Milano, 22 nov. – “Questo importate riconoscimento racconta l’eccellenza e la qualità che la nostra regione è ancora in grado di produrre e, soprattutto, accende i riflettori sul senso di bellezza e la capacità creativa che esprimono i designer”. Così Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia intervenendo nella serata di ieri, al Belvedere di Palazzo Lombardia, alla premiazione dei prodotti e dei progetti che sono stati selezionati per 'Adi Design Index 2016', la pubblicazione annuale di Adi (Associazione per il disegno industriale) che raccoglie il miglior design italiano messo in produzione.

FATTORE UMANO DETERMINANTE – “In questo ambito il fattore umano gioca infatti un ruolo centrale; anche di fronte all’innovazione e l’evoluzione di materiali e tecniche, al centro c’è la persona e la visione del designer rimane decisiva, per questo – ha continuato l’assessore – da diversi anni finanziamo importati progetti educativi, in collaborazione con ADI e Unioncamere Lombardia, dedicati ai nostri giovani designer con l’obiettivo di sviluppare la loro creatività, di compiere un'importante esperienza professionale e accrescere la proprie competenze in affiancamento a tutor esperti”.

L’assessore Parolini, durante le premiazioni che hanno interessato anche due progetti bresciani – Fratelli Garletti srl (Botticino) con il designer Luciano Bacchetti / In&Tec srl (Brescia) e Studiocharlie (Rovato) – ha poi sottolineato che “anche la provincia di Brescia,  ha saputo conservare di fronte ai grandi cambiamenti imposti dall’evoluzione dei mercati il proprio ruolo centrale nel tessuto produttivo regionale, facendo leva proprio sul fattore umano, la creatività e la capacità competitiva di ripensarsi e cogliere nuove sfide”.

L’IMPEGNO DI REGIONE LOMBARDIA – “In Lombardia il design, insieme alla moda – ha concluso Parolini – sono tra i settori economici più rilevanti per numero di occupati e valore aggiunto prodotto, ma anche sinonimi di eccellenza riconosciuta in tutto il mondo per innovazione e qualità. Regione Lombardia per valorizzare questo patrimonio ha promosso una serie di misure integrate per favorire l'innovazione, la digitalizzazione, la formazione dei giovani, la contaminazione tra settori e lo sviluppo di network di impresa".