Milano, 9 giu. – Regione Lombardia premiata per l’impegno a favore della diffusione del metano per autotrazione. La consegna del riconoscimento, nella serata di ieri a Bologna, durante il convegno “Gas naturale e biometano: eccellenze nazionali per la sostenibilità”, organizzato da Confagricoltura, Cib, Anfia, FCA, Iveco e Snam. In particolare la Lombardia è stata premiata l’adozione di una legislazione all’avanguardia, che ha permesso alla regione di raggiungere il primato nazionale di aperture di distributori di metano.
Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia, ha espresso “soddisfazione per i risultati raggiunti durante questa legislatura, che fanno della nostra regione un’eccellenza a livello europeo”.

TREND ECCEZIONALE – “Dal 2008 ad oggi – ha sottolineato Parolini – gli impianti di metano sono cresciuti di circa il 160%, un trend eccezionalmente positivo e unico in Italia, che ci spinge a continuare nel favorire l’implementazione di una rete di distribuzione di carburanti ecocompatibili  moderna, capillare e completa, che va incontro alle esigenze di un mercato automobilistico tecnologicamente sempre più evoluto e pulito e a quello di un pubblico di consumatori consapevoli e responsabili che sceglie in maniera crescente mezzi alimentati con carburanti alternativi”.

LOTTA ALLO SMOG – “Questo è il risultato di anni di lotta allo smog e di politiche organiche per andare incontro alle esigenze di un mercato automobilistico sempre più attento alla tutela dell'ambiente. È infatti importante ricordare – ha rimarcato l’assessore – che in un territorio come quello lombardo particolarmente vulnerabile agli inquinanti atmosferici a causa delle caratteristiche orografiche e dell’alta densità abitativa, è necessario muoversi per tutelare la salute dei cittadini e la qualità dell'aria”.

NOTE

Di seguito l’evoluzione della rete a GNC/GNL in Lombardia:

Anno n: impianti
2008          64
2010         102
2014         152
Ad oggi    178

Sono inoltre  avviate le procedure per la realizzazione di ulteriori 22 impianti, tra cui si segnala il primo con dotazione di biometano.

Nella sola provincia di Brescia la dotazione del metano è di prim'ordine, raggiungendo il numero di 35 impianti a cui presto se ne aggiungeranno ulteriori tre, attualmente in fase autorizzativa.