Milano, 02 ott. – "Regione Lombardia azzera la sua quota di Irap per sostenere quanti decidono di intraprendere una nuova attività". Lo ha detto, in conferenza stampa dopo Giunta, l'assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia Mauro Parolini presentando la misura 'Zero Irap'. 

OBIETTIVO – "L'obiettivo – ha rimarcato l’assessore – è quello di favorire la creazione di nuove imprese e contrastare la desertificazione commerciale attraverso una fiscalità di vantaggio. Concretamente, vogliamo favorire l'apertura di nuovi negozi, punti di riferimento ed elementi di attrattività e vitalità per i centri urbani, ma anche presìdi di sicurezza per i centri abitati". 

IMPEGNO PER COMMERCIO – “Questo importantissimo provvedimento – ha concluso Parolini – si inserisce e completa in modo virtuoso il nostro impegno in favore del commercio di vicinato: impegno contraddistinto da misure molto significative contro la desertificazione o quelle di sostengo più specifico dedicate alla riqualificazione degli esercizi commerciali e per la sicurezza dei negozi rilanciato oggi” 

I DESTINATARI – Destinatari della misura sono le nuove imprese commerciali e artigianali con vendita nei locali di produzione che apriranno nel 2018. 

MISURA PER CAPOLUOGHI E CENTRI SOPRA I 50.000 ABITANTI – "La misura – ha concluso l'assessore allo Sviluppo economico – si rivolge ai 12 Comuni capoluogo e quelli con più di 50.000 abitanti come Busto Arsizio (Varese), Cinisello Balsamo (Milano), Gallarate (Varese), Legnano (Milano), Rho (Milano), Sesto San Giovanni (Milano) e Vigevano (Pavia)".