Milano, 12 apr. – “Quella degli strumenti musicali in Lombardia è una filiera fatta di artigiani dell’eccellenza e professionisti nella vendita e distribuzione, che ha subito pesantemente i morsi della crisi e sulla quale vogliamo intervenire in maniera sussidiaria con questa iniziativa pilota per valorizzarla e aiutare le imprese a vincere la sfida del cambiamento”. È quanto ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia Mauro Parolini, commentando l’approvazione da parte della Giunta, su sua proposta e in concerto la collega titolare della Cultura Cristina Cappellini e all'Istruzione Formazione e Lavoro Valentina Aprea, della delibera che individua i criteri per la concessione di contributi per le micro e piccole imprese della filiera degli strumenti musicali.

“Entro l’estate – ha annunciato Parolini – renderemo disponibile un bando sostenuto da 1 milione di euro che finanzierà interventi volti ad aumentare la competitività delle imprese, favorire l’aggregazione tra esse, rendere più attrattivi i punti vendita, migliorare i processi di produzione e ampliare le opportunità di sviluppo e crescita senza subire passivamente le rapide trasformazioni imposte al mercato”.

"Questa nuova e concreta misura – ha dichiarato l'assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia, Cristina Cappellini – va incontro alle esigenze dei nostri territori e nel caso particolare delle nostre micro e piccole imprese che rappresentano il tessuto produttivo lombardo e che anche in questo ambito rappresentano delle eccellenze". "Il nostro auspicio – ha detto ancora l'assessore – è che questo strumento possa diventare una leva importante per rilanciare e valorizzare sempre di più tutto il settore musicale lombardo che, come lo spettacolo dal vivo in generale, rappresenta un'eccellenza nel panorama nazionale ed internazionale".

“Questa iniziativa – ha commentato infine Parolini – si integra in modo positivo e virtuoso con quella avviata dall’On. Vignali, che prevede un contributo statale per l’acquisto di strumenti musicali nuovi agli studenti del conservatorio, sostenendo al contempo la rivitalizzazione del settore economico coinvolto e l’importanza dell’educazione musicale e della libertà di espressione artistica, soprattutto per i più giovani”.

"Sono d'accordo con questa iniziativa – ha aggiunto l'assessore Aprea – perché queste realtà hanno la possibilità di diventare dei veri e propri luoghi di aggregazione giovanile favorendo la cultura e la conoscenza di un importante settore della nostra tradizione come quello musicale".

SCHEDA

DOTAZIONE FINANZIARIA – Euro 1.000.000

DESTINATARI MISURA – Micro e piccole imprese singole o aggregate in rete con all’attività prevalente o primaria di fabbricazione di strumenti musicali e commercio al dettaglio di strumenti musicali e spartiti con almeno un punto vendita ubicato sul territorio lombardo che presentino progetti di innovazione della propria offerta di servizi anche in partenariato con altri soggetti pubblici o privati.

TIPOLOGIA CONTRIBUTO – Contributo a fondo perduto fino ad un massimo del 50% della spesa complessiva ammissibile, nel limite di 10.000 euro per impresa. Il valore minimo del progetto presentato deve essere pari a 2.000 euro.

TIPOLOGIA DI INTERVENTI AMMISSIBILI – A titolo esemplificativo si elencano alcuni interventi che potranno essere finanziati: acquisto di software e hardware che permettano al punto vendita di fare marketing, vendita on line ed offrire servizi o attività aggiuntive (sale e cabine prove); attrezzature e strumentazione; consulenze tecniche esterne specifiche legate alla progettazione, realizzazione e rendicontazione dell’intervento; rifacimento delle vetrine e degli arredi e altre opere inerenti la struttura del punto vendita; costi per la formazione degli imprenditori e del personale impegnato nel progetto.