Milano, 14 mar. – “Gli accordi di competitività continuano ad affermarsi come una modalità virtuosa di sinergia tra pubblico e privato in grado di rilanciare e rivitalizzare il nostro tessuto economico e produttivo”. È quanto ha dichiarato Mauro Parolini, assessore regionale allo Sviluppo Economico, annunciando l’approvazione odierna da parte della Giunta, su sua proposta, di due schemi di accordo per la competitività che Regione Lombardia firmerà con la società acciaieria Arvedi di Cremona e l’Engitec Technologies S.p.a di Novate Milanese, in provincia di Milano.

DA REGIONE 2,9 MILIONI DI EURO – “Con l’approvazione di questi nuovi schemi di accordo – ha aggiunto l’assessore – andiamo ad impiegare più di 2,9 milioni di euro per sostenere due progetti di sviluppo in grado di aprire nuove opportunità di mercato per le imprese oggetto del nostro intervento e per la filiera coinvolta e, soprattutto, di tutelare il lavoro e incrementare l’occupazione in due province importanti come quelle di Milano e Cremona”.

ACCORDI DI COMPETITIVITÀ – Gli Accordi di competitività sono strumenti negoziali che definiscono diritti e obblighi reciproci tra imprese, Regione ed Enti locali per rendere attrattivo il nostro territorio agendo su leve (semplificazione procedure, contributi per progetti di R&I e infrastrutture pubbliche, valorizzazione capitale umano) che stimolino nuovi investimenti o favoriscano il mantenimento di quelli già esistenti.

FINALITÀ PROGETTO ARVEDI/CREMONA – L’’intervento denominato “Innovazione e potenziamento acciaieria Arvedi di Cremona” prevede di realizzare un impianto sperimentale utilizzabile anche per scopi commerciali e di produrre nuovi acciai al silicio per impieghi elettrotecnici, noti come “acciai magnetici” e acciai di alta gamma, con impiego prevalente nel settore automotive. Sono inoltre previsti interventi, proposti dal Comune e dalla Provincia di Cremona, che prevedono la riqualificazione e il potenziamento delle infrastrutture viarie connesse all’insediamento produttivo.

CONTRIBUTO REGIONALE – Euro 2.000.000

FINALITÀ PROGETTO ENGITEC TECHNOLOGIES/NOVATE MILANESE –  Il progetto R&S ’Spl – spent pot liners’ prevede l’implementazione di un innovativo processo tecnologico che consente di trasformare il materiale di scarto altamente pericoloso in materie prime riutilizzabili.

CONTRIBUTO REGIONALE – Euro 902.026,90