Milano, 17 dic. – “La tutela di più di 780 posti di lavoro nel territorio della provincia milanese, che cresceranno ancora di oltre 20 unità, e la creazione di nuove ed importanti opportunità di mercato grazie ad UN progetto innovativo di assoluta rilevanza sul territorio italiano. Sono questi i principali risultati attesi da questo nuovo accordo di competitività, che si conferma una modalità virtuosa di sinergia tra pubblico e privato di primaria importanza in grado di rilanciare e rivitalizzare il nostro tessuto economico e produttivo”. Così l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Mauro Parolini al termine della seduta odierna di Giunta che, su sua proposta, ha approvato lo schema dell'accordo di competitività tra Regione Lombardia e Italtel S.p.A.: strumento previsto dalla Legge regionale 'Impresa Lombardia', finalizzato alla realizzazione del piano di ricerca e innovazione connesso all’insediamento produttivo di Settimo Milanese (Milano).

 

DA REGIONE 1,4 MILIONI DI EURO – “Attraverso questo intervento – ha spiegato Parolini – Regione Lombardia si impegna a cofinanziare con oltre 1,4 milioni di euro un progetto da più di 4,3 milioni in grado di favorire la nascita di un player nazionale capace di competere nel mercato mondiale dell’alta tecnologia e dell’ innovazione, che è un driver fondamentale per lo sviluppo futuro”.

RICADUTE SU INDOTTO E FILIERA – “E questo è molto importante, perché non solo si va a rafforzare il tessuto occupazionale locale in un contesto aziendale che era già interessato da procedure di mobilità, ma in prospettiva – ha aggiunto Parolini – anche a generare un indotto significativo per tutta la filiera coinvolta, con importanti ricadute nel mercato dei data center in grado di attivare nuove opportunità per il territorio lombardo in termini di produttività, attrattività e sviluppo delle competenze tecniche, scientifiche e professionali”.

ACCORDI DI COMPETITIVITÀ – Gli Accordi di competitività sono strumenti negoziali che definiscono diritti e obblighi reciproci tra imprese, Regione ed Enti locali per rendere attrattivo il nostro territorio agendo su leve (semplificazione procedure, contributi per progetti di R&I e infrastrutture pubbliche, valorizzazione capitale umano) che stimolino nuovi investimenti o favoriscano il mantenimento di quelli già esistenti

FINALITÀ PROGETTO – Il progetto di ricerca denominato “ADvanced Virtualization for Enabling Network Technology and applications (ADVENT)” intende sviluppare prodotti e soluzioni per reti e servizi di telecomunicazione di nuova generazione.

Attraverso questo intervento si propone di ottimizzare l’architettura e il design dei data center (DC), con riduzione della complessità attraverso la separazione tra le parti di computing da quelle di input-output, facendo altresì leva sull’utilizzo delle comunicazioni ottiche. Tale ottimizzazione ha il duplice obiettivo di perseguire da un lato il concetto del green datacenter mediante la riduzione dei consumi, dall’altro quello del datacenter-in-a-box coniugando il paradigma di separazione tra le risorse di pura computazione (CPU) e quelle ausiliarie di accelerazione e supporto (memorie e acceleratori).

TUTELA POSTI DI LAVORO – In aggiunta all’impatto diretto del progetto sui livelli occupazionali (pool di reintegro dalla CIGS per 14 persone), si prevede la salvaguardia e il mantenimento degli attuali livelli occupazionali oltre ad un incremento di  10 unità nell’arco del progetto, nella provincia di Milano, e la garanzia nell'occupazione di 782 lavoratori dipendenti, sempre in provincia di Milano.

DURATA PROGETTO E COSTI – L’intervento prevede una durata di 18 mesi ed un costo complessivo pari a euro 4.350.000.