Milano, 13 giu. – “È evidente che attorno al tema dell'autonomia e del referendum, così essenziale per la nostra regione e per il giusto sviluppo del suo sistema economico e sociale, il modello del centrodestra lombardo trova un'altra ragione di grande rilievo per costruire e rafforzare il lavoro comune in una rinnovata visione programmatica unitaria”. È quanto ha dichiarato stamane Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia, a margine della seduta di Consiglio regionale che ha trattato una mozione firmata dai capigruppo di maggioranza che chiede, tra le altre cose, l’istituzione di un tavolo tecnico sulle materie negoziabili previste dalla Costituzione, per la trattativa con il Governo successiva al referendum sull’autonomia indetto dal Presidente Maroni.

“Riprendere in mano, con l'espressione della volontà popolare, il percorso verso una maggiore autonomia come valore positivo – ha sottolineato Parolini – significa valorizzare finalmente in modo concreto e con risorse aggiuntive  l’efficienza amministrativa, il buon governo regionale e la laboriosità della nostra tessuto produttivo di fronte a sprechi, nuovi statalismi ed inefficienze”.

“Il sì al referendum – ha concluso l’assessore – darà al presidente Maroni il mandato per aprire un nuovo modo di governo, con decisioni più vicine alle esigenze dei cittadini, più risorse da impiegare nel sostengo alle famiglie e nelle politiche a favore del lavoro e dell’impresa, più opportunità di crescita per tutti”.