Milano, 30 ott. – “Un provvedimento che conferma l’attenzione di Regione Lombardia alla centralità della persona anche nel cammino educativo e va incontro ad esigenze molto concrete causate dalle crescenti difficoltà finanziarie delle scuole nel garantire il sostegno didattico e l’integrazione scolastica ad oltre 1.600 bambini in Lombardia in condizione di disabilità certificata, anche grave”. Così l’assessore regionale allo Sviluppo economico Mauro Parolini, commentando l’approvazione odierna da parte della Giunta del provvedimento, sostenuto con lo stanziamento dei 500mila euro, che delinea i criteri per l’assegnazione del contributo regionale a sostegno dell’integrazione scolastica dei bambini con disabilità frequentanti le scuole dell’infanzia autonome non statali e non comunali per l’anno scolastico 2017/2018.

“Queste strutture hanno una diffusione molto capillare e rappresentano in molti Comuni l’unico presidio educativo per questa fascia di età. È pertanto importante – ha continuato l’assessore – garantire e sostenere le attività educative di inclusione scolastica dei bambini disabili che frequentano le scuole materne autonome, riconoscendone la funzione nell’ambito del sistema integrato di educazione e di istruzione”.

“Accanto all’impegno annuo di circa 8 milioni di euro per sostenere i servizi educativi di interesse generale di queste scuole, il provvedimento di oggi – ha concluso Parolini – conferma ancora una volta sussidiarietà, pluralismo educativo e libertà educativa caposaldi della politica di Regione Lombardia”.