Milano, 12 mar. – “Si chiama Sapore in Lombardia ed è il viaggio che il maestro Gualtiero Marchesi sta compiendo sul territorio per raccontare e presentare al mondo le eccellenze nell’ambito delle produzioni enogastronomiche e della ristorazione che la Lombardia esprime”. Così Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo Economico, presentando oggi, in anteprima, nel corso dell’iniziativa promossa dal Corriere della Sera 'Cibo a regola d'arte', il progetto di promozione del turismo enogastronomico regionale che Regione Lombardia e la sua DMO Explora stanno sviluppando in collaborazione con lo chef milanese e la sua Accademia.

SETTE ITINERARI ENOGASTRONOMICI – “Il percorso di Marchesi, icona dell’alta cucina, maestro per eccellenza nella ristorazione e profondo conoscitore della varietà del territorio lombardo, – ha spiegato Parolini – culminerà con la presentazione di sette itinerari enogastronomici attraverso le tradizioni, i sapori, i profumi, l’accoglienza e l’arte che racchiudono le nostre province. Sette itinerari che diventeranno altrettanti video esperienziali all’interno di un’ampia iniziativa strategica di promozione multicanale che lanceremo prima dell’estate”.

ENOGASTRONOMIA ELEMENTO DI ATTRATTIVITÀ – “Due stranieri su tre oggi scelgono di visitare l’Italia anche per il suo cibo; la Lombardia – ha aggiunto l’assessore – non è ancora una destinazione turistica consolidata in questo ambito, ma lo sarà presto. Qui la ristorazione e le produzioni alimentari continuano a creare eccellenza tra tradizione e modernità, e questo patrimonio costituisce un formidabile elemento di attrattività da valorizzare e far conoscere, sia per il mercato interno che, soprattutto, per quello internazionale”.

1,4 MILIONI DI EURO PER PROMOZIONE – “Dopo Expo – ha continuato Parolini – abbiamo messo in campo ingenti risorse per promuovere attraverso un piano specifico tutti quegli ambiti meno maturi e più promettenti della ricchissima offerta turistica lombarda, dove ristorazione ed enogastromia giocano un ruolo da protagonisti. A questo ambito abbiamo destinato circa 1,4 milioni di euro per finanziare un bando ad hoc, che uscirà tra qualche settimana, aperto a tutti i soggetti della filiera legata a questo mondo con l’obiettivo di farla crescere e promuovere ulteriormente la nostra ricca offerta”.

I PROGETTI FINANZIABILI – “Aggregazione, collaborazione e integrazione saranno i requisiti fondamentali per accedere al finanziamento delle idee progettuali. Le ingenti risorse stanziate – ha concluso l’assessore – andranno a finanziare progetti di definizione e promozione di itinerari turistici che integrino l’offerta enogastronomica regionale con l’offerta storico, artistica, culturale e quella del turismo attivo e del cicloturismo. Punteremo inoltre al sostegno di azioni innovative, soprattutto in ambito di marketing relazionale e social, predisposizione di materiale informativo, partecipazione a fiere, sviluppo di iniziative di formazione per gli operatori delle filiere coinvolte, ideazione di eventi speciali”.