(Ln – Milano, 11 giu) "Il mercato globale richiede agli attori
del cargo aereo maggiore efficienza, tempestività  e puntualità
non solo rispetto alla consegna delle merci , ma anche e
soprattutto rispetto alle informazioni connesse ai flussi di
traffico gestiti. La crisi del settore, infatti,  ha reso
particolarmente urgente l'adozione di provvedimenti che
consentano di digitalizzare i processi di gestione , contenendo
i costi operativi, diminuendo gli errori e migliorando le
performance". Lo ha detto l'assessore al Commercio, Turismo e
Terziario di Regione Lombardia Mauro Parolini intervenendo al
'Quality Award', il tradizionale appuntamento associativo
dell'ANAMA – Associazione Nazionale Agenti Merci Aeree –
quest'anno dedicato alla presentazione del progetto 'Malpensa
Smart City delle Merci', di cui è partner insieme a Regione
Lombardia, SEA S.p.a  e Assohandlers (Associazione Nazionale
Operatori Servizi Aeroportuali di Handling).

ECOSISTEMA DIGITALE – "Per questo motivo – ha spiegato
l'assessore – il protocollo che abbiamo sottoscritto , lo scorso
mese di dicembre,  per la realizzazione del progetto  'Malpensa
smart city delle merci'  ha l'obiettivo di  ridurre i tempi di
processo all'interno dell'aeroporto e  semplificare le
operazioni di accettazione e rilascio delle merci, grazie alla
condivisione delle informazioni tra gli operatori, coinvolti a
vario titolo, nella filiera".

MIGLIORARE COMPETITIVITÀ SCALO – "Il  progetto – ha sottolineato
Parolini – migliorerà la competitività dello scalo di Malpensa
facendolo avvicinare  agli scali aeroportuali più avanzati in
Europa, nostri diretti competitor". "Le moderne soluzioni
logistiche 'veloci'- ha aggiunto- saranno determinanti
soprattutto in vista dell'appuntamento di Expo 2015, in
considerazione del  forte aumento di flussi di merci previsto
nell'area milanese".

A CHE PUNTO SIAMO – "Ad oggi-  ha continuato il rappresentante
della Giunta – è stata elaborata la versione 1.0 dell'ecosistema
digitale, realizzata con il coordinamento tecnico-scientifico
del Politecnico /Cefriel"."I risultati raggiunti – ha detto –
sono il frutto di un complesso lavoro di analisi e
razionalizzazione di prassi non scritte e non codificate emerse
durante le sessioni di lavoro svolte con gli stakeholder secondo
dimensioni di natura commerciale, tecnologica, organizzativa e
di governance".

INFORMAZIONI IN TEMPO REALE – "Attraverso l'ecosistema  digitale
– ha concluso il titolare regionale del Commercio –  si potranno
scambiare i dati attraverso procedure operative, valide per
tutti coloro che lo utilizzeranno , tracciare e dare
informazioni in tempo reale sullo stato delle merci e della
Cargo City". Il sistema sarà reso disponibile entro gennaio 2015
al fine di avviarne l'esercizio e testarne l'utilizzo entro Expo
2015. (Ln)