A gennaio di quest’anno abbiamo sottoscritto un accordo per lo sviluppo turistico ed economico delle tre valli della provincia di Brescia: Valcamonica, Valsabbia e Valtrompia. Questa firma dà avvio ad un grande piano di sviluppo di nuovi investimenti turistici e infrastrutturali individuati dai Comuni e dagli enti territoriali. Si tratta di una serie di interventi concreti e ambiziosi per accompagnare queste valli verso una reale valorizzazione delle loro grandi potenzialità turistiche, forti di una ricchissima offerta in termini di risorse naturali, ambientali, storiche e culturali. Potenzialità ancora inespresse in molti casi, malgrado la nostra provincia e tutta la regione stiano vivendo un momento di particolare crescita nel turismo in termini di arrivi, presenze ed investimenti nel settore. Quest’area della nostra regione deve poter passare da una forma di turismo un po’ datata ad un’offerta turistica più dinamica, moderna, esperienziale e strutturata. Il nostro obiettivo è quello di creare le condizioni per uno sviluppo armonico di questi territori, che possa tradursi in opportunità occupazionali e di benessere.

Da questa visione è nata la necessità di rilanciare le valli e di agganciare in modo integrato questo trend positivo. Questo Accordo Quadro di Sviluppo territoriale, che coinvolge tutto il sistema economico, permetterà di realizzare interventi di sviluppo sostenibile delle infrastrutture per ottimizzare l’accesso alle località e l’efficienza degli impianti. E sosterrà anche investimenti per migliorare l’accoglienza ed azioni di promozione per incrementare la visibilità sul mercato nazionale ed internazionale.

Gli interventi proposti dai Comuni sono sia di carattere infrastrutturale a servizio del sistema turistico estate-inverno in quota, interventi per la qualificazione e la destagionalizzazione, investimenti per lo sviluppo dei comprensori sciistici. L’accordo prevede l’attivazione di oltre 28 milioni di euro di investimenti pubblici, con la partecipazione di Regione Lombardia fino a 10,5 milioni, a cui si aggiungeranno circa 7 milioni di investimenti privati.

Le amministrazioni coinvolte sono: Regione Lombardia, Comunità Montane di Valle Camonica, Valle Sabbia e Valle Trompia, i Comuni di Anfo, Artogne, Bagolino, Berzo Inferiore, Bienno, Borno, Breno, Collio, Darfo Boario Terme, Esine, Gianico, Ossimo, Pian Camuno, la Provincia Di Brescia e l’Unione Dei Comuni Della Bassa Valle Camonica.