Salò, 6 giu. – “L’apertura del musa dona ulteriore prestigio alla città di Salò e va ad arricchire l'offerta culturale di questo territorio. È un'operazione che contribuisce ad accrescere il prestigio e l'attrattività complessiva di un'area turistica, quella del Garda, unica e sempre più apprezzata, che si distingue in Europa e nel Paese per la sua varietà, bellezza, tradizione e capacità di accogliere”. È quanto ha dichiarato stamane mauro Parolini, assessore al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia, a margine della cerimonia di inaugurazione del MuSa, la struttura che ripercorre le tappe della città di Salò nel complesso di Santa Giustina.

IMPORTANZA CULTURA PER TURISMO – “Arte e cultura – ha sottolineato Parolini – sono elementi che concorrono a determinare lo sviluppo turistico della nostra regione e su cui stiamo investendo anche per favorirne l'integrazione con la ricchezza dell'enogastronomia, la tradizione dell'artigianato e della commercio e la fruizione della natura, in modo da accrescere la competitività della Lombardia sul mercato internazionale e per offrire ai turisti un esperienza di viaggio più completa, oltre che un'occasione di incontro con i nostri territori sempre più autentica e appagante”.

INTEGRAZIONE CON ALTRE REALTÀ – “È di grande importanza, inoltre, – ha concluso l’assessore – l'integrazione tra le istituzioni culturali bresciane, come il Vittoriale, il Museo di Santa Giulia e, appunto, il MuSa, per creare una rete capace di documentare la grande storia e il valore artistico e culturale di una provincia dinamica e capace di guardare con fiducia al proprio futuro, anche in forza di una tradizione riconosciuta e condivisa”.