Rho-Pero/Mi, 14 apr. – "Anche quest'anno il Salone del Mobile dimostra tutta la sua vitalità, attirando un gran numero di acquirenti e visitatori. Si tratta della più grande fiera del settore in Europa, uscita da un difficile periodo di crisi rilanciando attraverso nuove iniziative, ma, soprattutto, proponendo con le imprese, oggi qui presenti, un cambiamento attraverso l'innovazione dei prodotti ". Lo ha detto l'assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia Mauro Parolini nel corso della visita, questo pomeriggio, alla 55^ edizione del Salone del Mobile, alla fiera di Rho-Pero (Milano).

SETTORE VITALE – "Il design è uno dei settori vitali della nostra industria, con una presenza straordinaria in Lombardia – ha rimarcato l'assessore -.  Regione prende atto che c'è da un lato una capacità di reazione, di inventare  nuove strade e di creare nuovi bisogni nel mercato; dall'altro, che c'è la necessità di stare vicino alle imprese, aiutarle a mettersi insieme, fare in modo di accompagnarle verso nuovi mercati affinché il cambiamento diventi stabile".

OPPORTUNITÀ DI LAVORO – "In un momento in cui la disoccupazione sta lentamente calando, ma c'è ancora da fare prima che la sfida sia vinta –  ha aggiunto -, aiutare lo sviluppo delle imprese di un settore come il design, che per la prima volta dopo sette anni ha visto crescere i consumi del mercato interno, significa anche creare opportunità di lavoro. Una situazione che Regione Lombardia, Fiera Milano e Salone del Mobile stanno interpretando al meglio. Perché quando il mondo cambia, occorre anticipare i cambiamenti".

'NEXT DESIGN INNOVATION' – "Regione Lombardia – ha concluso Parolini – mette in campo anche qualche iniziativa, oltre a quelle del sostegno al settore, per favorire la professionalizzazione dei giovani e valorizzarne le idee. Con 'Next Design Competition', per esempio, abbiamo messo insieme, con i Quattro Motori per l'Europa (Lombardia, Catalogna, Baden-Wuttemberg e Rhone-Alpes), un progetto per accompagnare giovani talenti del design, attraverso l'aiuto delle Università, ad imparare il mestiere e a proporsi sul mercato con le loro idee e le loro creazioni, che sta dando ottimi risultati. Insomma si lavora insieme e credo che i risultati comincino ad essere straordinari".