Il sussidiario.net
 

Il silenzio di Bersani è assordante. I distinguo seri ma non comunicabili di Fassina, troppo colti per essere compresi, mentre invece il sì squillante di Fassino che si candida anche in questo modo alla corsa per le primarie da sindaco (con una prima ferita da San Sebastiano) si accomuna alla filo-marchionniana empatia del sindaco attuale di Torino, Chiamparino.

Una spaccatura insanabile che tuttavia è interna alla consapevolezza comune che l’occupazione e la necessità dell’investimento sono l’appuntamento inderogabile a cui si è chiamati, se non si vuole la scomparsa del settore industriale che per indotto è il più importante d’Italia e uno dei più ampi d’Europa.

Esiste poi la categoria dei professionisti del liberismo atomistico antipersonalistico all’Ichino per i quali tutto va benissimo e ai voleri Fiat non solo si deve aderire toto corde, ma anche dichiararsi contenti e felici a ogni diktat che il marchionnismo ci impone. Ed è proprio qui il disvelamento del disfacimento intellettuale del Partito Democratico

La sinistra antagonista coglie nel “world manifacturing process” e nel salario legato alla produttività la quintessenza dello spirito capitalistico a cui occorre opporre non la negoziazione sindacale e la contrattazione, ma l’antagonismo, ossia l’ipostatizzazione dei diritti svincolati dai doveri continuando il sorelismo trentiniano e carnitiano del salario variabile indipendente.

La sinistra antagonista ha sublimato la sconfitta storica del 1980 e della marcia dei quarantamila interpretandola non come l’avvento di un nuovo ciclo capitalistico, ma come un tradimento delle oligarchie sindacali e partitiche socialdemocratizzatesi: Cgil, Pci ed ex Pci in testa. Lo sbocco non potrà che essere la trasformazione della Fiom in un sindacato rosso dalle ascendenze anarco-sindacaliste. Si tratta in ogni caso di una traiettoria tragica per i lavoratori, ma lineare e fiera nella disperazione.

continua la lettura in http://www.ilsussidiario.net/articolo.aspx?articolo=137608