Milano, 06 apr. –  "Abbiamo recentemente assegnato a 136 imprese lombarde, piccole e grandi, il premio per la responsabilità sociale e d'impresa. Accanto alla responsabilità nei confronti dell'ambiente, del territorio, del mercato dell'innovazione, tema importante e centrale per l'assegnazione del riconoscimento era quello del welfare aziendale e della conciliazione, a dimostrazione dell'attenzione che Regione Lombardia mostra per le nuove frontiere di cui oggi parliamo". Lo ha detto l'assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia Mauro Parolini, intervenendo alla prima edizione degli Stati Generali della Conciliazione, Lavoro e Welfare aziendale che si svolgono, oggi e domani, a Palazzo Lombardia, a Milano.

NUOVO BANDO – "All'inizio del prossimo anno – ha sottolineato Parolini – pubblicheremo un nuovo bando per attribuire nuovi premi, al quale però abbiamo deciso di affiancarne un altro che aiuti a mettere in pratiche buone prassi. Mettiamo a disposizione, insieme con le Camere di Commercio, 850.000 euro per favorire la realizzazione di buone prassi nel settore dello sviluppo locale sostenibile nella green economy e nell'innovazione sociale".

CAMBIO CULTURALE – "Questi premi – ha concluso l'assessore – servono a mettere all'attenzione di tutti la responsabilità sociale d'impresa che non è un settore dell'impresa, cioè un atto di cui ci si deve occupare per avere in cambio una buona reputazione, ma è essa stessa ambito sociale. Occorre quindi un cambio di cultura, una nuova concezione che non veda più l'impresa come esclusivo interesse dell'imprenditore, ma come bene di tutti, da chi vi opera a tutti i soggetti che vi ruotano attorno. Questa è la vera sfida per il futuro: un sistema in cui sia possibile far crescere l'economia senza lasciar perdere tutto il resto; o lo sviluppo è inclusivo o non è sviluppo".