Milano 17 Luglio – Valorizzare le eccellenze e le peculiarità dei territori, così da rendere ancora più forte l'attrattività turistica e commerciale della Lombardia. E' questo l'obiettivo del bando finanziato con 11 milioni di euro e presentato dall'assessore regionale al Commercio, Turismo e Terziario Mauro Parolini ai Comuni capofila dei Distretti del commercio, alle Unioni dei Comuni e alle Comunità montane.

LA PARTNERSHIP PUBBLICO PRIVATO – "I Distretti dell'attrattività – ha detto Parolini – puntano in modo chiaro a una forte convergenza tra Enti pubblici e soggetti privati per realizzare progetti rilevanti, capaci di promuovere un territorio, integrando i valori culturali, ambientali e sociali con quelli turistici e commerciali". Attualmente sono attive in Lombardia 201.204 imprese dei settori commercio e turismo. "Il provvedimento – ha proseguito l'assessore – vuole puntare sulla creatività e sulla capacità di innovare della nostra regione. Si intende stimolare iniziative nuove orientate a una forte integrazione dei Comuni e degli Enti sul territorio, con l'obiettivo di ottenere un miglioramento della qualità dell'offerta che sia concreta e stabile nel tempo".

La Misura prevede un doppio intervento:

– la linea A, con una dotazione di 4 milioni di euro, destinata ai Comuni capoluogo di provincia, ha l'obiettivo di favorire il mantenimento degli esercizi commerciali e turistici esistenti e l'insediamento di nuovi; punta inoltre a valorizzare e promuovere tutte le esperienze innovative (come eventi, premi, road show, attività seminariali), che contribuiscono ad accrescere l'attrattività del territorio; i singoli progetti saranno cofinanziati dai Comuni e da Regione Lombardia;

– la linea B, con una dotazione di 7 milioni di euro, è destinata a reti di Comuni non capoluogo e prevede l'incremento dell'attrattività, coinvolgendo gli esercizi commerciali e turistici anche nelle aree commercialmente deboli (piccoli centri, aree montane e aree urbane periferiche); rientra fra i possibili finanziamenti anche la realizzazione di opere infrastrutturali e strutturali, che possano valorizzare rendere più accessibili località turistiche. Le soglie minime di aggregazione per partecipare al bando sono, in alternativa, almeno 7 Comuni o almeno 70.000 abitanti residenti. Il contributo regionale è a fondo perduto e copre fino al 50 per cento dell'importo, nel limite massimo di 360.000 euro.

GIOCO DI SQUADRA PER VINCERE SFIDA EXPO – "Durante Expo – ha spiegato Parolini – ci aspettiamo oltre 20 milioni di visitatori. È una sfida che vogliamo vincere e, per questo, abbiamo deciso di lavorare al miglioramento dei servizi legati all'accoglienza dei turisti: per esempio promuovendo e rendendo accessibili a tutti i luoghi di interesse turistico e commerciale, di cui la Lombardia è così ricca". "Per questo – ha continuato l'assessore – abbiamo finanziato con 11 milioni di euro una Misura che, siamo sicuri, contribuirà a qualificare l'offerta turistica del nostro territorio. Fare rete, giocare uniti, è la chiave per incentivare iniziative importanti, che possano portare ricadute positive a tutta la Regione".

LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE – La promozione del 'made in Italy', e 'in Lombardy' in particolare, è un altro dei capisaldi del bando, di cui è elemento essenziale il contrasto alla contraffazione e all'abusivismo commerciale. In altre parole ciò significa valorizzare le produzioni enogastronomiche tipiche regionali, le tradizioni dei territori, con un'attenzione particolare ai temi della sicurezza alimentare e alla salute.

UNA NUOVA OFFERTA TURISTICA – Il turismo è l'altro settore su cui Regione Lombardia, attraverso questo bando, punta molto. "Vogliamo incentivare la promozione e la fruizione dei luoghi che dovranno anche essere animati con la creazione, ad esempio, di itinerari nuovi" ha proseguito l'assessore.

EXPO DEVE LASCIARE EREDITÀ POSITIVA – "Sono certo – ha concluso Parolini – che in questo modo Expo possa diventare davvero una grande occasione di sviluppo per tutta la Lombardia. Potrà lasciare un'eredità positiva anche fuori Milano, perché l'Esposizione universale deve essere, e sarà, un evento per tutti".

IL CRONOPROGRAMMA – Le domande potranno essere presentate dal 29 settembre al 30 ottobre 2014, mentre gli investimenti dovranno concludersi entro il 31 dicembre 2015.

Tutte le informazioni sono reperibili sul sito www.commercio.regione.lombardia.it.