Gli ultimi anni sono stati straordinari per il turismo lombardo. Della crescita di numeri, arrivi e presenze (specialmente nella nostra provincia, che è cresciuta in modo particolare), ci occuperemo in un altro post. Oggi vorrei parlarvi degli investimenti che abbiamo messo in campo per fare crescere questo settore, e in particolare dell’anno che abbiamo dedicato completamente al turismo.

“L’Anno del Turismo lombardo” è stata un’iniziativa senza precedenti di Regione Lombardia dedicata alla valorizzazione e alla promozione, che abbiamo sviluppato dal 29 maggio 2016 al 29 maggio 2017. Abbiamo percorso insieme ai protagonisti del settore un cammino lungo 365 giorni, un periodo in cui abbiamo dato nuova linfa al comparto, sostenendolo con oltre 60 milioni di euro attraverso bandi, eventi, iniziative di promozione e di formazione, che hanno generato investimenti per più di 120 milioni. Un anno che si è rivelato anche un’occasione unica per costruire una rinnovata consapevolezza delle nostre enormi potenzialità turistiche e per riaccendere l’orgoglio per la bellezza che caratterizza le nostre aree turistiche, quelle già affermate e quelle ancora nascoste. Dopo un 2015 particolarmente positivo, che ha visto una crescita a doppia cifra, ci si poteva aspettare una battuta d’arresto, invece anche nel 2016 arrivi e presenze hanno fatto registrare ancora un incremento grazie al dinamismo degli operatori e delle istituzioni.

Il 2016 è stato un anno da incorniciare: è l’anno del successo di The Floating Piers, che ha proiettato la Lombardia e il lago d’Iseo in tutto il mondo, l’anno in cui abbiamo raccolto i risultati dell’implementazione della nuova legge regionale e del nuovo modo di promuovere la destinazione, più moderno e integrato, grazie alla DMO Explora, che si è dimostrata sempre più come quel soggetto operativo e aggregativo che mancava.

Da regione conosciuta in Italia e all’estero per il ruolo di leadership economica, nella moda e design, la Lombardia sta finalmente rivelando anche la sua grande vocazione turistica. Oggi siamo arrivati ad essere la prima regione in Italia per visitatori stranieri, ma è quello di diventare prima regione in Italia: un eccellenza anche in ambito turistico.

Per gli appassionati di numeri aggiungo qualche dato sull’iniziativa: 60,6 milioni di euro impegnati, 9 bandi attivati a sostegno della filiera, 40 iniziative di promozione dell’offerta turistica, partecipazione a 36 fiere ed eventi nazionali ed internazionali, più di 1300 uscite stampa e 35 tv, 160 video realizzati e 12 shooting fotografici, 175 mila fan su Facebook, 20 mila follower su Twitter con oltre 100mila tweet, 22 mila follower su Instagram con oltre 53mila immagini taggate, collaborazione e contatto con 1200 blogger di oltre 35 Paesi, 16 tappe dei tour per influencer #inLombardia365.

I BANDI – Bando ‘Turismo e Attrattività’ per la riqualificazione delle strutture ricettive alberghiere, extra-alberghiere e dei pubblici esercizi (35 milioni di euro); Bando per valorizzazione del turismo religioso (1,4 milioni di euro): finanziati 9 progetti presentati da partenariati composti da 185 soggetti (Enti non profit, MPMI dei settori Turismo e Commercio, Consorzi di promozione turistica); bando per la promozione e l’infrastrutturazione del cicloturismo (9 milioni di euro): finanziati oltre 80 soggetti in aggregazione e 160 Enti Locali, investimenti per oltre 17,8 milioni di euro; bando ‘Cult City’ per la valorizzazione in sinergia con i Comuni dell’offerta turistica legata alle città d’arte lombarde: stanziati 6,5 milioni di euro che hanno attivato investimenti e iniziative per oltre 13 milioni in 11 capoluoghi di provincia; bando ‘Travel Trade’ per il sostegno e rilancio delle agenzie di viaggio e dei Tour Operator (1,5 milioni di euro): Finanziati 8 progetti proposti da partenariati composti da Tour Operator, Agenzie di viaggio lombardi e guide turistiche; Bando ‘Wonderfood & Wine’ per la promozione turistica legata all’offerta enogastronomica lombarda (1,2 milioni di euro).