Milano, 25 novembre – "Stiamo lavorando ad una vera e propria riforma del turismo, non solo in funzione dell'Esposizione Universale, ma anche per offrire a tutto il comparto uno strumento  concreto ed innovativo per competere a livello internazionale in una quadro di grande crescita". È quanto ha dichiarato Mauro Parolini, assessore  al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia, a margine del dibattito avvenuto stamani in Consiglio regionale su Expo 2015.

LEADER NEL TURISMO – "La Lombardia è una delle prime regioni italiane in ambito turistico: la ricchezza della sua offerta, che passa attraverso Milano, le città d'arte, il turismo religioso, le aree turistiche lacuali e montane, costituisce un'attrattività unica, soprattutto per quei Paesi emergenti che si stanno affacciando al mercato turistico e rappresentano una porzione molto importante della domanda internazionale. Il turismo – ha spiegato Parolini – è infatti uno dei settori più dinamici dell'economia mondiale, continua a crescere, nonostante la crisi, e rappresenta un asset strategico fondamentale per lo sviluppo del sistema economico italiano e lombardo".

SEMPLIFICAZIONE NORMATIVA – "La riforma che stiamo predisponendo punta alla semplificazione normativa e alla promozione unitaria dell'offerta turistica – ha dichiarato l'assessore Regionale – e tiene conto di questa prospettiva dinamica in cui il settore è inserito e del grande lavoro di confronto che abbiamo fatto con il Consiglio regionale, con gli operatori del settore e gli stakeholder coinvolti".

APPUNTAMENTO EXPO – Secondo Parolini "Expo rappresenta il primo grande appuntamento su cui potremo misurare la qualità del nostro sistema turistico. L'Esposizione Universale – ha concluso l'assessore – sarà infatti una vetrina fondamentale, che permetterà di diffondere a livello internazionale l'immagine del nostro Paese e di compiere un vero proprio salto di qualità con effetti stabili".